Monti Cilentani - Cilento Commerce

Un viaggio tra i monti del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni

Agosto 29, 2022 By Cilento Commerce Non attivi

Il Cilento tra mare limpido e montagne incontaminate è la meta ideale per una vacanza perfetta. La fusione tra queste due componenti della natura è ciò che rende tale luogo ineguagliabile.

Se vuoi trascorrere delle vacanze in Cilento indimenticabili dove relax, religiosità e sport possono coesistere alla perfezione, continua a leggere, ti porteremo alla scoperta dei Monti del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, ovvero:

  • Il Cervati (1898),
  • gli Alburni (1742),
  • il Gelbison (1705),
  • il Monte Bulgheria (1225),
  • il Monte Stella (1131).

Monte Cervati: il tetto del Cilento

Il Monte Cervati è parte dell’Appennino Lucano, situato a centro-sud del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, sfiora i 1900 metri, ed è considerato, per tale motivo, “il tetto del Cilento”.

Per essere più corretti bisogna parlare di Massiccio del Cervati, la cima più alta è affiancata infatti da altre cime intermedie. La natura incontaminata fa da richiamo per i turisti che vogliono visitarlo, con possibilità di numerosi sentieri per fare trekking tra: cerri, faggi, ontani e lecci e di praticare la scalata, la sua morfologia infatti, si presta benissimo per favorirla.

Se ami praticare questi sport, avventurati, durante uno di questi sentieri, prima di raggiungere la cima del monte, troverai un punto per rinfrescarti, la Fontana dei Caciocavalli. Ed ancora, scoprirai le diverse bellezze del luogo, come una cappella scavata in una grotta naturale situata ad un’altezza di 1830 metri, e salendo più su a ben 1852 metri, il Santuario della Madonna della Neve. Su questo monte nasce il fiume Calore, detto anche Calore Lucano, per differenziarlo dall’omonimo irpino. Lungo oltre 60 km è fra i fiumi più importanti della regione Campania, durante il suo percorso scava profonde gole, prima di arrivare al fiume Sele, di cui è affluente.

Monti Alburni: le Dolomiti del Sud

I Monti Alburni il cui nome deriva dal latino albus (bianco) dovuto o alle rocce bianche o alla presenza di neve per gran parte dell’invero, di natura carsica sono un massiccio montuoso alto 1.742 metri, ricco di grotte, quelle più famose sono Castelcivita e Pertosa. All’interno del massiccio ci sono diversi sentieri dove praticare trekking tra faggi e castagni. Il punto più alto è il Monte Panormo, secondo solo al Cervati.

Questi monti cilentani sono una vera e propria oasi di tranquillità e di pace, e sui loro terreni vengono prodotti cibi di alta qualità, come: miele, ceci, olio, vino e tanti altri, che potrai acquistare comodamente sul nostro shop online, portando a casa tua i sapori di un luogo così incantevole.

Monte Gelbison: il Sacro Monte del Cilento

Il Monte Gelbison è alto 1.705 metri e il panorama che offre è di una bellezza straordinaria. Dalla sua sommità è possibile scrutare tutti i monti e le valli cilentane circostanti. Esso ha un ricco patrimonio naturalistico, ospita animali ormai in via di estinzione come: la martora, il picchio nero ed il lupo. Sulle sue pendici si trovano diversi corsi d’acqua cristallina, molteplici cascate e si possono visitare vecchi frantoi e mulini abbandonati e non solo! Alle bellezze naturali si aggiunge la caratteristica di essere un famoso luogo di culto mariano, a cui in molti sono legati.

È uno dei luoghi più mistici ed affascinanti del Cilento, da sempre è conosciuto come il Sacro Monte ed è richiamo per tutti i fedeli della zona ed oltre. Questo luogo è stato meta di pellegrinaggi fin dal XIV secolo. Sulla cima del monte sorge infatti, uno dei sette santuari mariani presenti sui colli cilentani, ossia, il Santuario della Madonna di Novi Velia, che per l’altezza su cui è posto risulta essere il Santuario mariano più alto d’Italia. Per raggiungere il santuario si possono percorrere:

  • i sentieri dei pellegrini, lungo i quali si incontrano diversi punti dove si dice sia apparsa la Madonna e la Sorgente di Fiumefreddo;
  • le strade carrozzabili.

Potrai scegliere di trascorrere una giornata in questo posto ricco di fede ma anche di natura inalterata con la tua famiglia per staccare dalla routine quotidiana e vivere momenti di tranquillità e riflessione.

Santuario di Novi Velia - Cilento Commerce

Monte Bulgaria: il leone che dorme

Il Monte Bulgaria è denominato “il leone che dorme”, guardandolo, sembra proprio un leone addormentato. Non è un monte altissimo, 1.225 metri, ma ha una bellissima posizione geografica, si estende per una lunghezza di 40 km ed è come se permettesse all’Appennino di toccare il mare, unendo la costa di Camerota con il sistema appenninico. La sua origine viene dal mare, la dimostrazione di ciò, sono le sue rocce carbonatiche che al tramonto si colorano con tante sfumature di rosa.

Una sua particolarità è quella di ergersi solitario, senza altre montagne cilentane intorno, tra la Valle del fiume Mingardo e quella del fiume Bussento. Nei giorni di cielo limpido ha una visuale spettacolare, dalla sua cima è possibile scorgere le Isole Eolie a sud e Capri a nord. Questo monte forma come una sorta di muro che protegge le terre tra Scario e Caprioli, creando un clima favorevole anche per la coltivazione di piante tropicali, come il banano.

La sua fauna è molto varia, ci sono diverse specie di uccelli, mammiferi, rettili ed altre ancora. Su di esso pascolano le vacche podoliche da cui si ricava la rinomata “muzzarella ind’à murtedda”. Lo stesso vale per la flora, anch’essa molto variegata, composta da: ulivi secolari, castagni, felci, biancospini, corbezzoli, aceri, orchidee spontanee, l’erba spartea (dalle cui foglie si ricava una corda resistente) e tante altre piante ancora.

Monte Stella, fulcro spirituale e geografico del Cilento antico

Il Monte Stella, un tempo, Monte Cilento, è un massiccio che raggiunge 1.131 metri, ed è considerato il fulcro spirituale e geografico del Cilento antico, perché proprio intorno ad esso si trovano insediamenti urbani molto antichi.

I percorsi che conducono alla cima del monte sono molteplici e tutti hanno come punto di partenza i comuni limitrofi: Omignano, San Mauro Cilento, Stella Cilento, Pollica, Serramezzana, Lustra, Rutino, Castellabate, Sessa Cilento e Perdifumo. Lungo questi sentieri del Cilento è possibile ammirare una natura incontaminata e una varietà di specie vegetali e di animali come: ramarro, pipistrello martore, cervone, quaglia e colombaccio.

Una volta raggiunta la vetta, si può visitare il Santuario della Madonna della Stella su di esso ubicato. Il Santuario fa parte delle sette chiese mariane maggiori del Cilento definite le “sette sorelle”. Dalla vetta si può godere di un panorama mozzafiato che spazia dal mare alle colline verdi cilentane. Nell’antichità questo monte era luogo di vedetta tra le città greche Elea (Velia) e Poseidonia (Paestum).

I Monti del Cilento offrono quindi la possibilità di fare vacanze cilentane a 365 gradi, dove potrai praticare sport, rilassarti con la mente, conoscere specie di animali in via di estinzione e piante tipiche del luogo.

Quindi, non dimenticare le scarpe da trekking, una macchina fotografica per immortalare tutte le bellezze che i tuoi occhi vedranno, e soprattutto di portare con te un paniere pieno di prodotti cilentani acquistati su cilentocommerce.com. Come vedi, ti bastano poche cose per trascorrere una vacanza in Cilento da sogno, in un luogo che fa già sognare di suo! Cosa aspetti?